LA MANO DEL BARISTA PERFETTO

Come già accennato in un articolo precedente, la “mano del barista” fa parte delle famosissime 5 M necessarie per un espresso a regola d’arte. La sua mano svolge un ruolo importante e indispensabile per la qualità dell’espresso, oltre ad essere una vera e propria professione, è un'arte. Il barista professionista sa che l’unico modo per avere un vero caffè è con una macchina da caffè espresso, che segua perfettamente le regole descritte nell'articolo delle 5 M. L’espresso è il metodo di estrazione a pressione per eccellenza.










Svolgere il ruolo di Barista non è un mestiere per niente facile, nonostante sembri il contrario, comporta diverse responsabilità, compiti e attività quotidiane. Il barista perfetto deve saper stare bene con la gente. È bello trovare dietro al bancone una persona sorridente, pronta a scambiare due chiacchiere o a rispettare il silenzio di chi è più riservato. Gentilezza e cortesia, affidabilità ed empatia sono doti che non possono mancare.

Ma per rendere un barista perfetto nel suo lavoro ha soprattutto bisogno di competenze e qualifiche, abilità interpersonali e comunicative, organizzative e di gestione del tempo, capacità di lavorare in squadra, ma anche in autonomia perché il sorriso e la gentilezza non bastano se non riesci a soddisfare il cliente nelle sue richieste. Deve avere molta motivazione, responsabilità, onestà e volontà di offrire al cliente un servizio sempre al massimo.









Il Barista non si limita solo a svolgere il suo ruolo ma rappresenta anche l’immagine del bar stesso. È disinvolto e rapido nella preparazione di caffè, cappuccini o bevande, offre un servizio impeccabile nel minor tempo possibile e con un’accoglienza cortese, che metta a proprio agio e conquisti il cliente.

Il Barista è arte del sorriso, professionalità ma anche tanta esperienza e conoscenza! Un Barista professionista questo lo sa. Per questo studia il caffè, esprime il meglio di sé nei diversi passaggi dietro la macchina da caffè dalla scelta delle miscele alla macinatura, per mettere in tazza un espresso perfetto. Spesso purtroppo però questa figura è improvvisata, senza passione, inconsapevoli del fatto che questo mestiere richiede esperienza, abilità tecniche, conoscenza nella gestione, nel controllo e nella manutenzione dei prodotti e delle attrezzature che servono per preparare un espresso.







La riuscita di ogni richiesta che sia un espresso, un cappuccino o altra bevanda è compito suo. Il primo passo sta nella miscela, del caffè crudo selezionato, per un professionista è d'obbligo la conoscenza delle caratteristiche delle varie miscele: le reazioni in fase di tostatura, l'interferenza e l'equilibrio degli aromi e dei sapori. Il barista sceglie la qualità, il tipo di caffè da utilizzare, della giusta miscela di caffè in grani e del loro grado di tostatura che influenza i parametri dei successivi passi della preparazione; Spetta a lui anche gestisce lo stoccaggio e verificare la costanza qualitativa e che la macinatura dei chicchi avvenga in modo appropriato in base al tipo di macinatura richiesta: fine e consistente, regista la dose in base alle condizioni climatiche e macina solo la quantità di caffè necessaria per la giornata.








A questo punto deve decidere la dose da inserire nel filtro, tenendo presente che a ognuna corrisponde una diversa dimensione di filtro, esegue manualmente con l’apposito pressino, una corretta compattazione del macinato posto nel filtro esercitando una pressione sufficiente affinché il panetto di caffè risulti correttamente compattato.

Il cliente dà sempre per scontato di bere un buon caffè quando entra in un bar. Quando chiede “un caffè macchiato e un cappuccino” si aspetta un servizio veloce e cortesia, oltre che ottimi prodotti.

Anche in tempo di crisi, il caffè continua ad essere la principale ragione per cui si entra in un bar. Un bar può sopravvivere solo se riesce a servire un caffè soddisfacente e che venga apprezzato dai clienti così da fidelizzare i propri clienti ogni giorno, tazzina dopo tazzina.

Ma un bravo barista sa che per valorizzare il caffè al meglio servono studio e tanta pratica, perché la lavorazione di prodotti artigianali richiede tecnica, esercizio, precisione. Fattori che non si possono improvvisare, significa formazione. Il ruolo del Barista è fondamentale perché il Barista rappresenta l’ultimo anello del puzzle. L’ultimo ma non meno importante elemento fondamentale è far sempre colpo sui clienti memorizzando le abitudini, ricordare i loro gusti è una cosa apprezzata e che fa la differenza.  Prestare attenzione a chi si ha davanti, ai suoi gesti, alle sue preferenze e memorizzare il tutto. Coccolare in modo particolare gli habitué, offrire loro un’accortezza in più: darà loro la bella sensazione di essere “in famiglia” e di non essere un semplice cliente di passaggio.