COLD BREW: CHI HA DETTO CHE IL CAFFÈ È SEMPRE CALDO?





Una delle ultime tendenze in fatto di caffetteria è l’estrazione a freddo, meglio conosciuta come Cold Brew.




Attenzione però a non confondere il Cold Brew Coffee con il caffè freddo che appartiene alla tradizione italiana, caffè espresso o moka, raffreddato in frigorifero o shakerato con il ghiaccio, o ancora con l’aggiunta del latte di mandorla…




“Brew” significa letteralmente “infuso”.
L’estrazione infatti avviene per infusione, lentamente, con acqua fredda.

Avete presente l’espresso italiano, preparato in pochi secondi?

Il Cold Brew Coffee è l’esatto opposto.

La parola d’ordine per la preparazione è “lentezza”.
Abbiamo bisogno di 8-12 ore per preparare un buon concentrato di caffè che poi può essere diluito con acqua, latte o anche bevuto liscio. 


A differenza del caffè freddo o ghiacciato, estratto con acqua calda e poi raffreddato, il Cold Brew Coffee viene preparato a freddo e mai riscaldato.




Il che significa:

* Livello di acidità (inferiore)

*Caffè annacquato, mai più!

*Più caffeina!



Il caffè estratto a freddo può essere un’ottima base per la preparazione di cocktail. Provatelo nei drink a base Gin, Vodka o Cointreau.
E se non lo finite prima… versate il Cold Brew Coffee in una bottiglia e conservatelo in frigo. Può durare fino a una settimana!