Oltre oceano al caffè accompagnano l’uovo … o viceversa?



E’ l’ultima trovata koreana che prende il nome di “Yolk Cappuccino” e che pare aver conquistato il palato di molti newyorkesi. 



Per preparare questa bevanda, per prima cosa viene estratto un espresso lungo nella tazza da cappuccino, a questo viene aggiunto un tuorlo d’uovo tenuto in acqua bollente per alcuni minuti.


Una volta mescolato bene il tutto viene ricoperto da panna montata con una frusta manuale e un’abbondante spolverata di cacao. 


Questa bevanda non è che una rivisitazione di una tradizionale bevanda coreana degli anni ’60 e’70 preparata con caffè istantaneo, un pizzico di sale, un tuorlo d’uovo crudo, olio di sesamo e pinoli o noci che aveva lo scopo di saziare e stimolare i suoi consumatori. 


A prima vista non si nota la differenza con un cappuccino tradizionale ma chi lo ha assaggiato ci racconta che basta un sorso per percepirne più di una. 


La bevanda è sicuramente più cremosa e corposa, e la sensazione di amaro viene smorzata dal tuorlo d’uovo e il contenuto di grassi e proteine è molto saziante.




Questa soluzione, stravagante se vogliamo, è una variante che può funzionare anche a casa, magari in quei pomeriggi casalinghi in cui nulla hai da chiedere se non un divano, un plaid ed il tuo tv; ovviamente medesimo programma puoi immaginarlo anche in versione original, marcata Brazilcafè.